Varese, fiamme gialle sequestrano a Malpensa 8 kg di droga stupro

Varese, 23 ott. (LaPresse) - Blitz antidroghe sintetiche all'aeroporto di Malpensa. Le fiamme gialle hanno sottoposto ad accurato controllo diverse spedizioni postali provenienti dalla Polonia e dalla Spagna destinate a diversi cittadini italiani.

Ad insospettire le fiamme gialle ed i funzionari dell'Ufficio delle Dogane di Malpensa è stato il rinvenimento, ancora una volta, di alcuni flaconi contenenti una sostanza risultata essere il noto gamma-butirrolattone (Gbl), comunemente detto "droga dello stupro".

Utilizzato come solvente industriale per la produzione di plastica e pesticidi il Gbl, una volta assunto, viene metabolizzato dall'organismo determinando effetti simili all'ecstasy.

Questa droga ha effetto in 30-45 minuti e gli effetti collaterali sono molti: dall'insufficienza respiratoria alle convulsioni, fino al coma ed alla morte.

Le attività d'indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio e nel caso dei sequestri di Gbl dai sostituti Procuratori della Repubblica Dottoressa Nadia Calcaterra, Rosaria Stagnaro e Nicola Rossato, hanno consentito il fermo di altre spedizioni presso il locale aeroporto per un totale di circa 6 kg di sostanza sequestrata e con il coinvolgimento di un altro Reparto del Corpo in quanto il destinatario di una spedizione di circa 2,5 kg risultava essere un cittadino italiano di 37 anni residente a Foggia.

Nel corso delle numerose operazioni è stato tratto in arresto un cittadino italiano mentre sono stati in totale denunciati alle autorità giudiziarie otto cittadini italiani residenti principalmente nelle provincie di Milano, Foggia e Palermo.

Nell'ambito dei medesimi controlli è stata posta attenzione al contrasto dell'acquisto on line di sostanze stupefacenti di origine sintetica.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata