Università, al via i test di ingresso: boom a Medicina con 67mila candidati
Iniziano martedì 4 settembre i quiz di ammissione per 83mila studenti

Sono oltre 83mila gli studenti che da martedì 4 settembre saranno alle prese con i test di ammissione all'Università, per assicurarsi un posto nelle facoltà a numero programmato. Iniziano i candidati calle facoltà di Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria per il prossimo anno accademico 2018/2019.

In 67mila hanno presentato l'iscrizione ai test per l'ammissione alla facoltà di Medicina ed Odontoiatria ai quali quest'anno sono riservati più posti rispetto al precedente anno accademico per via della carenza di medici in corsia. Si contenderanno 9.779 posti a disposizione negli atenei italiani per le facoltà di Medicina, rispetto ai 9.100 dello scorso anno. A conti fatti, meno di un candidato su 6 riuscirà a iscriversi a Medicina.

Leggi anche: I sei consigli per la sfida a numero chiuso

Mercoledì toccherà invece agli oltre 8.100 candidati che mirano ad ottenere uno dei 759 posti in Veterinaria (in crescita rispetto al 2017), mentre giovedì sarà la volta delle prove di ammissione dei quasi 8 mila aspiranti architetti ai quali saranno riservati 7211 posti. In merito ai test d'ingresso 2018 alla facoltà di Medicina, anche quest'anno saranno 60 i quesiti ai quali i candidati dovranno rispondere, avendo a disposizione un tempo di 100 minuti. Le domande saranno a risposta multipla, due di cultura generale, 20 di ragionamento logico, 18 di biologia, 12 di chimica e 8 di fisica e matematica. Due le prove messe a disposizione dal Miur: una in lingua italiana, l'altra in inglese nota come test Imat (International medical admission test) e che si svolgeranno in due diverse, la prima 4 settembre, la seconda il prossimo 13 settembre.

Fra i consigli degli esperti non affidarsi all'istinto, mai perdere di vista l'orologio, attenzione alla compilazione della scheda anagrafica, via gli smartphone, pena l'esclusione dal test.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata