Unicef, vivere in un Paese ricco non basta ad avere una buona scuola

Lo dice la Report Card sulle disuguaglianze educative. L'Italia è tredicesima per il livello di equità nelle medie e sesta per la capacità di lettura. Le ragazze più brave dei ragazzi in quasi tutti i parametri. Ma sei povero, avrai meno speranza di qualità scolastica

Nemmeno il fatto di vivere in un paese ricco garantisce a un bambino un accesso equo ad un'istruzione di qualità. Lo dice la nuova Report Card 15 del Centro di Ricerca Innocenti dell'Unicef. Mentre Lituania, Islanda e Francia hanno i tassi di iscrizione prescolare più alti tra i paesi inclusi nello studio, Turchia, Stati Uniti e Romania hanno i tassi più bassi. Paesi Bassi, Lituania e Finlandia sono i più equi per quanto riguarda i risultati di lettura nella scuola primaria, mentre Malta, Israele e Nuova Zelanda presentano in questo ambito le maggiori disuguaglianze.

Secondo quanto emerge dal rapporto, infatti, i bambini dei paesi meno ricchi spesso hanno rendimenti scolastici migliori nonostante minori risorse nazionali. "Partire svantaggiati: La disuguaglianza educativa tra i bambini dei paesi ricchi" (questo il titolo del rapporto) classifica 41 paesi membri dell'Unione Europea e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) in base alla portata delle disuguaglianze a scuola a livello prescolare, primario e secondario. "Su 38 paesi ricchi l'Italia è 13esima per più alto livello di uguaglianza nella scuola secondaria. È 15esima su 41 per tasso di accesso all'istruzione prescolastica e al sesto posto su 29 per migliori capacità di lettura nella scuola primaria", ha dichiarato Francesco Samengo, Presidente dell'Unicef Italia . "In questo settore vorrei sottolineare l'impegno sottoscritto, pochi giorni fa, dall'Unicef Italia attraverso un Protocollo d'intesa insieme al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca per promuovere azioni sinergiche e per diffondere la cultura dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza nelle scuole", prosegue.-

In 16 dei 29 paesi europei per i quali i dati sono disponibili, i bambini appartenenti al quinto più povero dei nuclei familiari hanno un tasso di frequenza prescolastica più basso rispetto ai bambini del quinto più ricco. Questo divario persiste per tutto il percorso scolastico del bambino. I ragazzi di 15 anni che vanno bene a scuola, i cui genitori svolgono un lavoro qualificato, hanno molte più probabilità di proseguire gli studi superiori rispetto a quelli con genitori che svolgono lavori poco qualificati. In 21 dei 25 paesi con livelli significativi di immigrazione, i quindicenni immigrati di prima generazione tendono ad avere risultati inferiori a scuola rispetto ai non immigrati. In 15 paesi, anche i bambini immigrati di seconda generazione tendono a conseguire risultati inferiori a scuola rispetto ai bambini non immigrati. In Australia e in Canada, i bambini immigrati di seconda generazione hanno risultati migliori rispetto ai bambini non immigrati. Queste differenze rispecchiano i diversi modelli migratori nei vari paesi

In tutti i paesi, le ragazze conseguono migliori risultati nei test sulla lettura rispetto ai ragazzi. Questi divari tendono ad ampliarsi quando i bambini e le bambine crescono. Ci sono ampie differenza anche tra i paesi. All'età di 15 anni, In Irlanda le ragazze hanno una capacità di rendimento nella lettura superiore del 2% rispetto ai ragazzi, in Bulgaria questo divario supera l'11%. Il rapporto si focalizza su due indicatori di disuguaglianza incentrati sui bambini e i ragazzi: l'indicatore a livello prescolare è la percentuale di studenti iscritti a forme di apprendimento organizzato un anno prima dell'età ufficiale di inizio della scuola primaria; l'indicatore per la scuola primaria (4° elementare, circa 10 anni) e secondaria (15 anni) è il divario nei punteggi relativi alla capacità di lettura tra gli studenti con il punteggio più basso e quelli con il punteggio più alto. Il posizionamento nella classifica dei quindicenni è l'indicatore principale del rapporto perché rappresenta il livello di disuguaglianza arrivati alla fine dell'istruzione obbligatoria. "Ciò che mostra il nostro rapporto è che i paesi possono raggiungere standard di eccellenza nell'istruzione e presentare anche disuguaglianze relativamente basse", ha dichiarato Priscilla Idele, Direttore (a.i.) del Centro di Ricerca Innocenti dell'Unicef. "Ma tutti i paesi ricchi possono e devono fare molto di più per i bambini delle famiglie più svantaggiate perché sono quelli che hanno maggiori probabilità di rimanere indietro."

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata