Tubercolosi Roma, Gemelli: Controlli avviati, nuovi casi inevitabili

Roma, 15 set. (LaPresse) - Per assicurare la massima tutela di tutti i pazienti, che quotidianamente si rivolgono al Gemelli, in particolare dei neonati e delle loro famiglie, fin dallo scorso 26 luglio, rende noto la Direzione del Policlinico, ha avviato con rigore e determinazione, a seguito di diagnosi per sospetta Tbc a un'infermiera del reparto di Neonatologia, tutti gli interventi di sorveglianza e controllo per la tubercolosi previsti dalle Linee guida emanate dal proprio Comitato per la lotta alle infezioni ospedaliere. Un insieme di attività in applicazione delle procedure di massima sicurezza previste dal Policlinico e dalle linee guida vigenti per il controllo delle infezioni nosocomiali e per la prevenzione della diffusione intra-ospedaliera della tubercolosi.

In particolare, relativamente al personale, tali controlli si sono svolti e stanno proseguendo, d'intesa con l'Asl RM/E, secondo un'indagine epidemiologica cosiddetta 'a cerchi concentrici', coinvolgendo tutti gli operatori che hanno avuto contatti stretti e ravvicinati o sporadici e occasionali con l'infermiera affetta da tubercolosi polmonare attiva. L'azione intrapresa dal Gemelli e dalla Regione Lazio, l'ampiezza e la straordinarietà dei controlli effettuati e ancora in corso, costituiscono un fatto eccezionale che oltre a confermare e garantire la sicurezza del Policlinico, potranno contribuire a favorire, come ha oggi sottolineato il Ministro della Salute, la definizione di nuove linee guida per l'epidemiologia e la profilassi della TBC in ambito ospedaliero.

Per evitare ulteriori inutili e ingiustificati allarmismi è necessario ribadire, come sottolineato da tutta la comunità scientifica nazionale e internazionale e come ricordato in tutte le comunicazioni dell'Unità di coordinamento regionale, che l'eventuale positività al test anche di operatori sanitari non segnala né malattia né contagiosità, ma esprime solo l'avvenuto contatto con il micobatterio. Del resto in Italia, che pure è considerato un Paese a bassa endemia per la Tbc con circa 5mila nuove diagnosi di malattia all'anno, i soggetti con cuti-reazione positiva (significa che sono venuti a contatto con l'agente della tubercolosi senza sviluppare la malattia) sono stimati in circa il 10% della popolazione. "È quindi realistico ritenere che soggetti in questa condizione siano presenti in moltissime comunità o ambiti professionali, senza che per ciò costituiscano pericolo per la salute pubblica come autorevoli esperti hanno ripetutamente e pubblicamente sottolineato" spiegano dal Gemelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata