Tre fermi per l'omicidio di Pamela Mastropietro
Oltre a Oghesale, in manette anche l'indagato Desmond Lucky e Awelima Lucky, 27enne fermato a Milano mente scappava verso la Svizzera

Salgono a tre i fermi per per l'omicidio di Pamela Matropietro, la 18enne romana il cui corpo fatto a pezzi è stato trovato all'interno di due trolley abbandonati a Pollenza, nel maceratese.

Oltre a Innocent Oghesale, il nigeriano 29enne che vive nella casa in cui è morta Pamela e che si trova già nel carcere di Montacuto, per altri due suoi connazionali sono scattate le manette. Si tratta di Desmond Lucky, lo spacciatore 22enne incolpato dallo stesso Oghesale di aver venduto l'eroina a Pamela già indagato ma fin'ora a piede libero, e Awelima Lucky, 27enne fermato alla metro Moscova si Milano mente scappava verso la Svizzera con la moglie.

I ragazzi "non hanno ammesso le loro responsabilità", ha detto il procuratore di Macerata, Giovanni Giorgio, uscendo dalla caserma dei carabinieri dove da venerdì erano sotto interrogatorio i due uomini. A entrambi vengono contestati i reati di concorso in omicidio volontario, vilipendio, distruzione, soppressione e occultamento di cadavere. Il procuratore ha aggiunto che le indagini sono chiuse.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata