Tragedia familiare nell'avellinese, una figlia sfugge al massacro

Solofra (Avellino), 19 giu. (LaPresse) - Sono stati trovati cadavere questa mattina dentro la loro abitazione a Solofra, in provincia di Avellino, un uomo di nazionalità indiana di 41 anni, sua moglie di 31 e una delle figlie, di appena setta anni. La seconda figlia, una ragazzina di 13 anni, è riuscita a scampare al massacro ma è in gravi condizioni. La giovane si è messa in salvo e ha chiesto aiuto. E' stata portata in sala operatoria e ora è in prognosi riservata ma non sembrerebbe in pericolo di vita. Sul luogo della tragedia sono intervenuti i carabinieri che stanno cercando di ricostruire l'accaduto. Dai primi accertamenti sembra che sia stato il padre a uccidere la sua famiglia con un taglierino da muratore e poi a togliersi la vita. Ma al momento l'unica ipotesi scartata è che la follia omicida sia stata scatenata da motivi religiosi. I carabinieri, infatti, non escludono del tutto nemmeno la possibilità che sia stata la donna a compiere il folle gesto e aspettano di poter sentire il racconto della figlia 13enne.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata