Tragedia di Latina, la telefonata di Capasso alla figlia: "Non ti farò mai male"
Nessun funerale per il carabiniere che ha sparato alla moglie e ucciso le due bambine

Nessun funerale, nessuna chiesa. La salma di Luigi Capasso, il carabinieri di 43 anni che mercoledì, a Cisterna di Latina, ha ferito gravemente sua moglie, Antonietta Gargiulo, ha ucciso le due figlie e si è tolto la vita, è stata solo benedetta, davanti ai familiari, nell'obitorio del cimitero di Poggioreale, a Napoli.

Nessun funerale, quindi, come era stato invece previsto. La cerimonia si sarebbe dovuta tenere nella parrocchia dei Sacri Cuori di Secondigliano, suo quartiere d'origine. Intanto, dopo il comando generale dei carabinieri, anche la Procura di Latina indaga per accertare la presenza di eventuali omissioni e responsabilità. E a due giorni dalla tragedia, emergono alcune conversazioni che ne tratteggiano il momento delicato che la famiglia stava vivendo.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata