Toti chiede piano straordinario per dissesto idrogeologico in Liguria. Parziale riapertura della A26
Toti chiede piano straordinario per dissesto idrogeologico in Liguria. Parziale riapertura della A26

Il Governatore ligure chiede anche sospensione dei pedaggi autostradali fino alla fine dell'emergenza

Milano, 26 nov. (LaPresse) - Dopo il crollo di un troncone del viadotto A6 fra Savona e Altare, travolto da una frana, il governatore della Liguria Giovanni Toti chiede con forza un piano straordinario sul dissesto idrogeologico, caselli gratis nella regione e lo scudo penale ai sindaci. Maltempo, prevenzione e infrastrutture tengono così banco nelle ore in cui si parla ancora di allerta meteo: in Emilia Romagna per la piena del Po sono stati chiusi due ponti nel reggiano. 

Intanto in Liguria sul viadotto della A26, tra l'allacciamento con la A10 e lo svincolo di Masone, è stata riaperta una corsia per senso di marcia, dopo che il tratto era stato chiuso perché considerato dalla procura in grave stato di degrado. La città di Genova è così uscita dall'isolamento. Ma l'emergenza non è finita e le richieste di Toti non si fermano: "Ho chiesto a Mit ed Autostrade la liberazione di tutti i caselli, ovvero l'apertura di tutti i caselli gratuiti di tutti le concessionarie della Liguria fino al termine dell'emergenza. Toti si aspetta una risposta positiva e subito "sia dal Mit sia dalle concessionarie": "non è pensabile che i liguri paghino il pedaggio autostradale per delle strade, che sono di fatto obbligatorie se vogliono garantirci il diritto costituzionale alla mobilità". Per il governatore ligure "oggi questo governo, il ministro dei trasporti e il presidente del consiglio, hanno la possibilità di dare il segno che qualcosa si è capito. Abbiamo chiesto di partecipare ai controlli sulle autostrade".

E dal premier Giuseppe Conte arriva una risposta e anche un invito:”Ancora una volta si conferma che dobbiamo fare squadra, ma non solo dentro la maggioranza. Il sistema Italia funziona se lavora in tutte le sue articolazioni, con i presidenti di Regioni. I soldi ci sono, noi siamo disponibili al confronto. L'obiettivo è comune: mettere in sicurezza il territorio per contrastare il dissesto idrogeologico che ha portato quest'anno già a 34 morti. Più faremo squadra, più riusciremo a ridurre questo numero fino ad azzerarlo”. 

L’ Amministratore delegato di Autostrade per l'Italia Roberto Tomasi intanto è stato ricevuto dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli. Il vertice di Autostrade per l'Italia ha illustrato le modalità tecniche individuate per riaprire al traffico l'autostrada A26: nella notte è stata attivata una deviazione di carreggiata che consente lo scorrimento dei veicoli in entrambe le direzioni di marcia, senza percorrere i viadotti Fado Nord e Pecetti Sud, dove sono in corso verifiche tecniche sulla base di un rigoroso principio di cautela.

Francesco Cozzi, Procuratore capo di Genova, interpellato dai media, dal canto suo ha spiegato che "le risultanze di tecnici, hanno evidenziato come, sulla base degli stessi parametri di valutazione utilizzati dalla concessionaria e dalla società di manutenzione, l'indice di degrado di una parte delle due corsie era tale da comportare una valutazione molto superiore a quella risultante ufficialmente a Settembre 2019 e quindi tale da comportare una verifica immediata della sicurezza". Dal Procuratore arriva un monito: "la sottovalutazione degli stati di degrado un rimandare le opere che servono, non è una politica che produca buoni risultati. I nodi prima o poi vengono al pettine come sta emergendo da più fatti".

Nel corso dell'incontro col ministro, l'ad di Autostrade per l'Italia ha illustrato anche il piano di interventi e di attività di manutenzione in corso in Liguria e a livello nazionale, "che prevede una sensibile anticipazione di lavori e cantieri. In questa fase sono già attivi sulla rete ligure di Autostrade per l'Italia cantieri per attività di manutenzione su 15 viadotti". La società ha poi manifestato l'intenzione di accelerare ulteriormente il piano nazionale di interventi sulla rete.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata