Torino, traffico di droga: 16 arresti, sequestrati beni per 4 milioni

Torino, 21 ott. (LaPresse) - La polizia di Stato di Torino sta concludendo una vasta operazione contro il traffico di stupefacenti ed usura nel capoluogo piemontese. La squadra mobile di Torino e i poliziotti dell'Unità indagini patrimoniali del Servizio Centrale Operativo hanno arrestato 16 persone alle quali è stato eseguito un sequestro preventivo di beni per un valore di oltre 4 milioni di euro.

Nel corso dell'operazione 'Hunters' contro il traffico di stupefacenti ed usura nel capoluogo piemontese, sono state arrestate 16 persone, a cui sono stati contestati diversi episodi di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina e marijuana. L'attività investigativa ha consentito di rivelare che gli arrestati si rifornivano di droga dai principali trafficanti calabresi trapiantati nel nord Italia e in Spagna. Tra i vari capi d'imputazione vi è anche quello di usura ai danni di un tabaccaio di Nichelino, al quale, a seguito di un prestito di denaro, aveva applicato tassi di interesse superiori al 100% annuo.

Con i guadagni illeciti, inoltre, gli arrestati provvedevano al mantenimento di alcuni 'ndranghetisti detenuti in seguito alle recenti operazioni denominate 'Crimine' e 'Minotauro'. Uno degli indagati (non destinatario di misura cautelare) è un noto esponente della 'Ndrangheta di Moncalieri. Oltre alle misure cautelari personali, è stato eseguito anche il sequestro preventivo di vari beni e di 6 cavalli da corsa. I cavalli da corsa erano riconducibili ad uno degli arrestati, fittiziamente intestati alla moglie. Tra gli animali sequestrati c'è anche 'Orilio', figlio del noto 'Varenne'. I particolari dell'operazione saranno resi noti oggi nel corso di una conferenza stampa che si terrà, alle ore 12, presso la sala riunioni della questura di Torino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata