Torino, scontri durissimi e assalti ai bus al corteo degli anarchici: 12 fermati, 4 feriti

Scene di guerriglia urbana e cassonetti in fiamme alla manifestazione contro lo sgombero dell'ex Asilo di via Alessandria che gli anarchici occupano da 24 anni- Salvini: "Infami, devono finire in galera"

Scene da guerriglia urbana a Torino durante il corteo degli anarchici. La protesta è nata dallo sgombero dell'ex Asilo di via Alessandria, occupato dal 1995, e l'arresto, giovedì scorso, di 6 persone accusate di associazione sovversiva a seguito dell'operazione di polizia di giovedì scorso.

Il bilancio è di 12 fermati e almeno quattro feriti, di cui uno grave. Il corteo è iniziato in Piazza Castello verso le 16 e in due ore si è scatenato tra lanci di petardi e cassonetti incendiati. La polizia ha risposto con l'idrante e i lacrimogeni. Un gruppo di manifestanti ha assaltato un pullman di linea, mandando i vetri in frantumi. A bordo c'erano un paio di passeggeri, che sono scappati via, mentre l'autista è stato medicato al pronto soccorso.

Appendino - Dura la condanna della sindaca del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino: "Quanto sta accadendo in queste ore non può essere confuso in alcun modo con l'esercizio della democrazia: gli episodi di violenza perpetrati da alcuni manifestanti oggi a Torino sono di una gravità inaudita", ha affermato, esprimendo "piena solidarietà alle persone rimaste coinvolte e sostegno alle forze di polizia che stanno operando a tutela della città".

Chiamparino - Anche il presidente di Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, si è fatto sentire: nel capoluogo sabaudo si sono verificati "atti gravi che non possono trovare alcuna giustificazione", ha sottolineato, ringraziando "le forze dell'ordine che hanno contenuto le intollerabili violenze compiute nel centro città da gruppi di anarchici".

Salvini - Su Facebook interviene il ministro degli Interni Matteo Salvini: "Torino ostaggio di qualche centinaio di delinquenti dei centri sociali: tutto il mio supporto ai Torinesi e alle Forze dell'Ordine, per questi criminali (che sono stati finalmente sgomberati pochi giorni fa) la pacchia è finita!". Alla notizia dell'assalto al bus, Salvini l'ha messa giù ancora più pesante: "Galera per questi infami! Ridotti quasi a zero gli sbarchi, adesso si chiudono i centri sociali frequentati da criminali. L'assalto di un gruppo di antagonista a un bus di linea a Torino".

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata