Torino, riti esoterici e abusi sessuali: arrestato 'santone'
Le violenze di gruppo dopo la somministrazione di stupefacenti

 Violenza sessuale di gruppo, aggravata dall'uso di sostanze narcotiche o stupefacenti e dalla minore età della vittima. Con questa accusa la polizia di Torino ha arrestato tre persone in seguito alla segnalazione di una giovane a proposito di una situazione di millantati riti esoterici. La polizia ha scoperto l'esistenza si una consorteria al cui apice c'era un 69enne 'Maestro': al suo comando un 'apostolo', una 'vestale', dei 'catalizzatori' e delle 'ancelle'. Il mago, attribuendosi poteri nel campo esoterico, aveva convinto la ragazza di essere vittima di forti negatività e, di conseguenza, a sottoporsi a riti di purificazione consistenti in rapporti sessuali, anche di gruppo, svolti sotto l'effetto di sostanze che rendevano le vittime semi-narcotizzante.

Ai riti avevano partecipato anche il fidanzato della giovane, la madre di quest'ultimo e un amico del 'mago'. La ragazza aveva iniziato a frequentare la casa del mago nel settembre del 2015. Con il passare del tempo, era stata minacciata paventando la diffusione dei filmati che erano stati girati durante i rapporti sessuali, fino alla denuncia e oggi all'arresto del mago e di due complici.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata