Torino, le prime due farmacie con defibrillatore pubblico
L'iniziativa promossa e finanziata dall'associazione “Crocetta Shopping” in collaborazione con Piemonte Cuore Onlus

Prosegue l’impegno per cardioproteggere il quartiere Crocetta di Torino. Dopo l’installazione di un primo Punto Blu Salva Vita a lato del sagrato della Chiesa della Beata Vergine delle Grazie a Torino, saranno inaugurate altre due postazioni dotate di defibrillatori in due farmacie, a disposizione quindi degli abitanti del quartiere.

L’iniziativa è stata promossa e finanziata interamente dall’associazione dei commercianti “Crocetta Shopping” in collaborazione con Piemonte Cuore Onlus.

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre alle ore 11 presso la Farmacia Borgo Crocetta in Via De Gasperi 6 e a seguire alle ore 12 alla Farmacia Magno in Via Cristoforo Colombo 42 con la consegna ufficiale dei due preziosi strumenti salva vita. Per la loro specificità le farmacie sono indicate dalle normative come luoghi ideali “per l'alta affluenza di persone e la capillarediffusione nei centri urbani che le rendono di fatto punti diriferimento in caso di emergenze sul territorio” (Decr. Min. Salute 18/03/2011). Le due realtà grazie alla collaborazione dei medici farmacisti titolari saranno le prime cardioprotette con postazione pubblica H24 sul territorio torinese.

“Siamo felici di poter continuare con la cardioprotezione del quartiere Crocetta” – spiega il presidente dell’Associazione Crocetta Shopping Furio Brianti– “realizzato grazie all’impegno e al contributo dei commercianti aderenti all’Associazione che così facendo hanno messo a disposizione del quartiere e della cittadinanza un importante strumento salva vita, come il defibrillatore”

“Sarà molto importante la partecipazione ai corsi formativi e alle lezioni gratuite che organizzeremo nel mese di gennaio presso la nostra nuova sede di Corso Re Umberto e presso i locali che ci metterà a disposizione l’amministrazione della Circoscrizione” sottolinea il Presidente di Piemonte Cuore Onlus Marcello Segre “i primi minuti da un arresto cardiaco sono fondamentali, poter disporre H24 per strada e vicino ad abitazioni di strumenti salva vita potranno dare la possibilità all’aumento della sopravvivenza grazie al repentino riconoscimento, al massaggio cardiaco e all’uso del defibrillatore che guida il soccorritore occasionale in attesa dell’arrivo del soccorso professionale”.

L’iniziativa ha inoltre ricevuto il patrocinio della Città Metropolitana di Torino e della Citta di Torino.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata