Torino, famiglie sotto sfratto occupano palazzina di 4 piani

Torino, 25 set. (LaPresse) - Una quindicina di famiglie sotto sfratto, insieme ad attivisti del movimento per la casa, hanno occupato, a Torino, una intera palazzina di quattro piani. Il gruppo, un centinaio di persone, è partito dal centro sociale Gabrio e, con un corteo silenzioso, ha raggiunto la palazzina, in via Muriaglio 11, in zona San Paolo. Si tratta delle stesse famiglie che hanno passato una notte in tenda venerdì sera nella centrale piazza San Carlo, per denunciare la propria situazione. Dal tetto è stato appeso uno striscione con la scritta "la casa è un diritto, l'affitto è una rapina". Sul posto anche attivisti dei movimenti per la casa di Asti e il gruppo di samba del Gabrio, che sta colorando l'iniziativa suonando fiati e percussioni per attirare l'attenzione del quartiere.

"Non possiamo fare altro, siamo con le spalle al muro e non abbiamo niente da perdere". Racconta così Francesco, 35 anni, la sua scelta di partecipare all'occupazione. "Ho un figlio di due anni e mezzo", spiega. Si chiama Oscar. "Il 30 settembre abbiamo lo sfratto esecutivo. Io mio figlio non lo porto a dormire in mezzo a una strada. Lo Stato ci ha girato le spalle. Ho la partita Iva - racconta - lavoravo come preparatore di auto, ma non si riesce, alla fine ti truffano sempre. Mia moglie lavora, ma fa le pulizie", tira su solo poche centinaia di euro al mese. "Al nido non c'è posto, i servizi sociali non ti aiutano". Quella di occupare, riassume, "è la cosa giusta da fare".

Una storia non molto diversa da quella di Luana. E' romena ma è da dieci anni in Italia. "Domani - racconta - ci buttano fuori, c'è lo sfratto esecutivo". Ha cinque figli, il più grande di 15 anni, l'ultimo, nato a Torino, di quattro; anche lei fa le pulizie. "Con quei 300 euro al mese che guadagno - dice - che facevo, pagavo l'affitto o davo da mangiare ai bambini? Mio marito è disoccupato. Faceva il muratore, lavorava in un cantiere. Ma quando ti assumono ti fanno firmare un foglio bianco e quando ti vogliono mandare via ci scrivono la tua lettera di dimissioni. Le imprese fanno tutte così. Anche a mio padre hanno fatto la stessa cosa. Adesso siamo qui, vediamo un po' che succede. Ma se arriva la polizia io non mi faccio portare via, non so dove andare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata