Torino, bufera parentopoli al comune: si dimette Anna Martina

Torino, 16 ott. (LaPresse) - Anna Martina, direttore delle attività internazionali del comune di Torino, ha rassegnato questa mattina nelle mani del sindaco Piero Fassino le proprie dimissioni, con effetto immediato e irrevocabile. Fassino ha espresso apprezzamento per l'atto di sensibilità, dopo che ieri aveva fatto avviare un'indagine interna. "Ad Anna Martina desidero esprimere un ringraziamento sincero e non formale per la dedizione e la competenza profusa in questi anni, dando atto che - al di là delle vicende che l'hanno condotta alle dimissioni - la dottoressa Martina ha contribuito a significativi successi della Città, dalle Olimpiadi del 2006 alle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Così come analoga passione e professionalità ha profuso in questi mesi dando un furto impulso alle Attività Internazionali della Città". La Martina era finita in una bufera politica negli ultimi giorni, motivo scatenante l'affidamento a una società gestita dal figlio di alcune commesse del Comune che non necessitavano di gara, avendo un importo inferiore ai 20mila euro. La Martina anche prima di entrare in comune attraverso la atl Turismo Torino gestì l'immagine cittadina, insieme all'allora plenipotenziaria assessore Elda Tessore, non riconfermata dopo le elezioni del 2006, che invece confermarono l'allora sindaco Sergio Chiamparino per un secondo mandato. Del team olimpico torinese non resta a questo punto più nessuno in carica, escluso Cesare Vaciago, direttore generale di palazzo Civico e nell'ultimo anno prima dei giochi direttore generale anche del comitato organizzatore di Torino 2006.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata