Tiziana suicida per un video hard, ci sono 4 indagati per diffamazione
Oggi i funerali, la madre: L'ex l'aveva plagiata. Garante per la privacy: La tutela in queste situazioni è impossibile

Per colpa di quel video hard con l'ex fidanzato, mandato a degli amici in buona fede e che poi ha fatto il giro del web, Tiziana Cantone ha cercato di togliersi la vita più di una volta, finchè ci è riuscita. Per la diffusione di quelle immagini quattro persone risultano indagatie dalla procura di Napoli. L'accusa è diffamazione. I quattro sono iscritti nel registro dalla fine del 2015. La 31enne di Mugnano di Napoli aveva provato a cambiare città, e anche a cambiare identità. Tiziana non era una ragazza forte, ha raccontato la madre agli inquirenti, la convivenza con l'ex l'aveva cambiata e la storia del video, diventato virale in Rete, la perseguitava. Aveva cercato di uccidersi altre due volte, a volte si rifugiava nell'alcol. Poi il gesto finale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata