Terremoto, Renzi: Almeno 120 vite spezzate e non è bilancio definitivo
"Domani verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite"

"Ci sono almeno 120 vite spezzate, ed è un bilancio che non è definitivo". Queste le parole del premier Matteo Renzi, nel corso di una conferenza stampa a Rieti dopo un vertice sul sisma nel centro Italia. "Quello che è accaduto è un evento di impatto enorme. Bisogna garantire una ricostruzione vera, anche se oggi è il momento di asciugarci le lacrime", ha aggiunto.

"I feriti e i malati che sono stati portati via da Amatrice e Accumoli con elicotteri ed eliambulanze sono 368 da questa mattina. C'è un problema con il riconoscimento delle salme, ma stiamo lavorando". 

Nel Consiglio dei Ministri, convocato per domani a palazzo Chigi, "prenderemo i primi provvedimenti con la Protezione civile, che saranno già immediati" per rispondere all'emergenza post-terremoto e verrà proclamato lo stato d'emergenza per le zone colpite, ha concluso Renzi. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata