Terremoto, fotografo LaPresse salvo per miracolo: E' crollato tutto
La casa dei genitori è completamente crollata e la famiglia è dovuta uscire scavando fra le macerie

Salvi per miracolo, sotto le macerie di una casa crollata. E' la testimonianza del fotografo di LaPresse Roberto Monaldo rimasto coinvolto nei crolli in seguito al terremoto a Amatrice. La casa dei suoi genitori, nella quale si trovava lui stesso, è completamente crollata e la famiglia è dovuta uscire scavando fra le macerie. "Non so come facciamo ad essere tutti vivi", racconta. Sotto le macerie sono rimasti tutti i loro averi, ma nessuno di loro ha riportato ferite gravi, solo leggere escoriazioni. Le comunicazioni sono molto difficili.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata