Terremoto, ancora forti scosse. Pirozzi: Seconde case per chi resta
Casette tra sette mesi, Errani: "Trasparenza e legalità non sono burocrazia"

Continua a tremare la terra nella zona degli Appennini. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.5 è stata registrata alle 12.18 di sabato tra il Lazio e le Marche. Il sisma si è verificato a una profondità di 9 km, nella zona di Macerata, non distante da Norcia. Altre scosse di magnitudo compresa tra 2 e 3 sono state registrate poco dopo tra le province di Perugia, Rieti e Macerata. Uno sciame sismico che dal 24 agosto - con il terremoto di magnitudo 6.0 che ha devastato diversi comuni - ha fatto complessivamente registrare oltre 4300 scosse. Una forte scossa di magnitudo 4.3 è stata registrata questa notte alle 3.34 a Norcia, seguita da altre scosse di più lieve entità, tra cui quella delle 5.19 di magnitudo 3.0. La gente è scesa in strada, ma come assicura il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, non ci sono stati feriti. Si sono verificati, però, piccoli crolli sulle mura antiche della città e in altri punti che avevano già subito danni a causa delle precedenti scosse. 

Sono confermati "sette mesi per le casette", ha spiegato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti in visita ad Amatrice, e "studieremo le forme per rendere meno disagevoli i sette mesi che devono passare. Siamo in conclusione della fase di emergenza e entriamo in una fase di rocostruzione in cui la scelta la faranno le comunità e i cittadini". "La trasparenza e la legalità non sono burocrazia. Insieme all'Anac e insieme alle istituzioni decideremo le caratteristiche che le aziende devono avere per partecipare alle gare per gli appalti", ha precisato il commissario per la ricostruzione Vasco Errani.

LEGGI ANCHE 'Terremoto, Curcio: Presto molti che sono in tenda rientreranno a casa'

LEGGI ANCHE 'Terremoto, appello del sindaco di Amatrice: Seconde case per chi resta. Sarebbe una bella risposta per Charlie Hebdo'

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata