Terremoti, scosse a Campobasso: la più forte di magnitudo 4.1
Registrate decine di scosse, che si sono sommate al maltempo

Molise vittima di uno sciame sismico nel weekend. Un terremoto di magnitudo 4.1 si è verificato in provincia di Campobasso. La scossa, registrata alle 19.55 di sabato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è avvenuta a una profondità di 10 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Baranello, Busso e Vinchiaturo. E' da ieri sera che si susseguono scosse nella zona: ne sono state registrate più di 10, tutte di magnitudo inferiore a 3, eccetto quella delle 19.55. L'ultima è avvenuta alle 20.02 con magnitudo 2. Decine le telefonate arrivate ai vigili del fuoco dopo la scossa più forte, avvertita anche a Isernia e nelle regioni limitrofe, ma si è trattato di richieste di informazioni e non di richieste di aiuto per situazioni di pericolo. La Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Sistema nazionale di protezione civile. Altre scosse sono poi seguite nella zona dopo quella di magnitudo 4.1. Tra le 20.02 e le 21.22 ci sono stati altri sette eventi, il più intenso alle 21 con magnitudo 3.4. L'epicentro è sempre nella stessa zona e i comuni più vicini sono Vinchiaturo, Busso e Baranello.

Le scosse sono proseguite anche domenica. L'ultima si è verificata alle 19:53 con magnitudo 3.3 Sono 10 le scosse che registrate ieri, fino alle 20.40, nell'area, tutte con magnitudo compresa tra i 2 e i 3. Il sindaco di Campobasso Antonio Battista ha deciso di sospendere le attività didattiche nelle scuole cittadine di ogni ordine e grado, a causa dell'ondata di maltempo con nevicate in Molise che si è sommato allo sciame sismico. Anche molti altri comuni della zona hanno fermato le attività didattiche.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata