Tav, l'autista del magistrato si è inventato l'aggressione No Tav

Torino, 15 mag. (La Presse) - Si sarebbe inventato tutto Giuseppe Cangiano, l'autista del pm Antonio Rinaudo, uno dei titolari delle inchieste a carico dei No Tav che l'11 aprile 2014 aveva dichiarato di essere stato aggredito sotto casa da un gruppo di anarchici o No Tav che gli avrebbero detto: "Questa è la fine che fanno i servi dei servi". La procura di Torino lo ha indagato per simulazione di reato. L'indagine è stata svolta dalla Digos e dalla procura. L'autista, un ex carabiniere, interrogato, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

L'inchiesta è partita subito dopo la denuncia dell'ex autista ed è stata coordinata dal procuratore Sandro Ausiello, che ha disposto una perizia medico legale eseguita da Roberto Testi. Dall'esame delle piccole ferite presenti sul corpo dell'uomo, è risultato evidente che si trattasse di lesioni "incompatibili" con la descrizione dei fatti fornita da Cangiano, che aveva riferito di essere stato preso a pugni da almeno due individui, in più parti del corpo. Il medico legale non ha riscontrato la presenza di alcun livido, ma soltanto di alcune piccole escoriazioni da punta, molto leggere, su sopracciglio, fronte e braccia. Sono ferite lievi che fanno supporre che possano essere autoinferte.

L'ex carabiniere, che è anche un ex pugile, aveva riferito agli inquirenti di essere stato picchiato per almeno due minuti e di essersi difeso tirando a sua volta pugni. Oltre alla perizia, sono stati determinanti nell'inchiesta il fatto che non ci siano riscontri alla versione dei fatti dell'uomo. Nessuno ha visto l'aggressione, nessuno lo ha visto sotto casa sua intorno alle 21 dell'11 aprile 2014. Non solo. L'uomo ha un precedente (ha patteggiato il 18 novembre 2004 una pena di un anno e otto mesi per calunnia, arresto illegale in concorso, falsità ideologica, falsa testimonianza in concorso), era fuori dall'Arma, e aveva ricevuto un parere negativo alla richiesta di porto d'armi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata