Tav, Appendino: Torino uscirà da Osservatorio. Governo va avanti
La sindaca: "Il M5S è da sempre contrario alla Torino-Lione"

Il M5S propone l'uscita del Comune di Torino dall'Osservatorio sulla Tav. Il gruppo consiliare pentastellato ha presentato una mozione di maggioranza, "un segno della nostra vicinanza alla Valsusa", come ha sottolineato la consiliera Viviana Ferrero. "Come è noto, il MoVimento 5 Stelle è da sempre fermamente contrario alla realizzazione del Tav Torino-Lione, non per una presa di posizione ideologica ma per ciò che quest'opera rappresenta sotto tanti aspetti. Abbiamo proposto un Consiglio comunale aperto per poter presentare tutti i punti di vista sull'argomento e agevolare un'informazione completa per i cittadini: ci è dispiaciuto constatare che la minoranza abbia votato contro questa proposta di trasparenza e partecipazione", la posizione della sindaca di Torino Chiara Appendino, che ha spiegato le motivazioni della scelta politica su Facebook. Il governo però è intenzionato ad andare avanti comunque, nonostante l'uscita del capoluogo. Non sono ovviamente tardate le reazioni, a partire da quella del commissario di Governo per l'Asse ferroviario Torino-Lione e presidente dell'Osservatorio, Paolo Foietta, che ha criticato la decisione, bollandola come "ssolutamente ininfluente". "Naturalmente - ha precisato - l'Osservatorio proseguirà nella sua attività".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata