Strage Brescia, confermati gli ergastoli per Maggi e Tramonte
Dopo 43 anni la Suprema corte conferma la richiesta dell'accusa

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne all'ergastolo per il neofascista di Ordine Nuovo Carlo Maria Maggi e per Maurizio Tramonte, l'informatore 'Tritone' dei servizi segreti, accusati per la strage di piazza della Loggia avvenuta a Brescia il 28 maggio 1974. Il verdetto è arrivato dopo quattro ore di camera di consiglio. La Cassazione ha confermato la sentenza emessa in Corte d'assise d'appello di Milano il 22 luglio 2014, nell'ambito del processo d'appello bis. Il pg della Cassazione aveva chiesto la conferma delle condanne all'ergastolo, istanza accolta dai giudici che hanno rigettato tutti i ricorsi presentati dagli imputati.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata