Stadio Roma, l'avvocato di Civita: "Ha ammesso errore etico ma non giudiziari"
"Civita ha spiegato le ragioni dei suoi comportamenti e come i due fatti, la vicenda stadio e la richiesta di aiuto per il figlio, siano assolutamente slegati" Così dopo l'interrogatorio di garanzia Luca Petrucci, legale di Michele Civita, ex assessore regionale all'urbanistica agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta Rinascimento. "Ha riconosciuto di aver commesso un errore personale, censurabile sotto il profilo etico ma non giudiziario, una leggerezza in favore del figlio quando però on era più assessore e non era ancora neanche Consigliere regionale. Ha sbagliato ma non è un reato" ha concluso Petrucci.