Sri Lanka, Papa: Incapacità di riconciliare le diversità crea violenza

Roma, 13 gen. (LaPresse) - "E' una costante tragedia del nostro mondo che molte comunità siano in guerra tra di loro. L'incapacità di riconciliare le diversità e le discordie, antiche o nuove che siano, ha fatto sorgere tensioni etniche e religiose, accompagnate frequentemente da esplosioni di violenza". Così Papa Francesco al suo arrivo all'aeroporto internazionale Bandaranaike di Colombo, in Sri Lanka, dove è in viaggio pastorale.

Il Pontefice è atterrato alle 9 ora locale dopo un volo aereo da Roma di quasi dieci ore ed è stato accolto dal neo eletto presidente della Repubblica Maithripala Sirisena, con alcune autorità dello Stato, dall'arcivescovo di Colombo e presidente della Conferenza episcopale dello Sri Lanka, cardinale Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don, con i vescovi dello Sri Lanka e un gruppo di fedeli. Dopo l'esecuzione degli inni nazionali e gli onori militari, introdotto dal discorso del presidente Sirisena, il Papa ha tenuto il suo primo discorso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata