Sisma Emilia, scossa nel ravennate originata da nuova faglia

Roma, 6 giu. (LaPresse) - Il sisma di magnitudo 4.5 verificatosi questa mattina al largo di Ravenna si origina da una nuova faglia, diversa rispetto a quelle a cui sono riconducibili i terremoti del 20 e del 29 maggio scorsi in Emilia, con il relativo sciame sismico, anche se la struttura geologica interessata, la fascia appenninica, è la medesima. A illustrare la natura della scossa di stamane registrata alle 6.08, al largo di Ravenna, è il funzionario di sala sismica dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Ingv, Francesco Mele. "Questo evento sismico - illustra - è avvenuto in mare e a circa 25 km di profondità ed è collegato all'attività del margine settentrionale dell'Appennino, sotto la pianura padana. "E' stato originato dalla struttura - dice l'esperto - che costituisce l'estremità più orientale dell'arco di Ferrara, mentre la struttura geologica all'origine dei terremoti nel modenese e nel ferrarese è quella a ovest".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata