Siria, Papa: Seguo con preoccupazione comunità non risparmi sforzi
"Solo una soluzione politica del conflitto sarà capace di garantire un futuro di riconciliazione e di pace"

"Con viva preoccupazione seguo la drammatica sorte delle popolazioni civili coinvolte nei violenti combattimenti in Siria e costrette ad abbandonare tutto per sfuggire agli orrori della guerra. Auspico che, con generosa solidarietà, si presti l'aiuto necessario per assicurare loro sopravvivenza e dignità, mentre faccio appello alla Comunità internazionale affinché non risparmi alcuno sforzo per portare con urgenza al tavolo del negoziato le parti in causa. Solo una soluzione politica del conflitto sarà capace di garantire un futuro di riconciliazione e di pace a quel caro e martoriato Paese, per il quale vi invito a pregare molto". Così Papa Francesco dopo l'Angelus.

I NUOVI SCHIAVI. "Domani si celebra la Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta di persone, che offre a tutti l'opportunità di aiutare i nuovi schiavi di oggi a rompere le pesanti catene dello sfruttamento per riappropriarsi della loro libertà e dignità. Penso in particolare a tante donne e uomini, e a tanti bambini! Occorre fare ogni sforzo per debellare questo crimine e questa intollerabile vergogna". 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata