Sinodo su famiglia: Chiesa non esclude nessuno, ma nuovi matrimoni problematici

Città del Vaticano (Vaticano), 18 ott. (LaPresse) - Nel corso della 14esima congregazione generale di questa mattina in Vaticano, i padri sinodali hanno approvato il messaggio della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema 'Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell'evangelizzazione'.

"Cristo ha voluto che la sua Chiesa fosse una casa con la porta sempre aperta nell'accoglienza, senza escludere nessuno. Siamo perciò grati ai pastori, fedeli e comunità pronti ad accompagnare e a farsi carico delle lacerazioni interiori e sociali delle coppie e delle famiglie". Così si legge nel messaggio approvato oggi dai padri sinodali riuniti intorno a aPap Francesco per la III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema 'Le sfide pastorali sulla famiglia'.


I padri sinodali nel messaggio scrivono che per le famiglie "c'è, innanzitutto, la grande sfida della fedeltà nell'amore coniugale. Indebolimento della fede e dei valori, individualismo, impoverimento delle relazioni, stress di una frenesia che ignora la riflessione segnano anche la vita familiare. Si assiste, così, a non poche crisi matrimoniali - continuano - affrontate spesso in modo sbrigativo e senza il coraggio della pazienza, della verifica, del perdono reciproco, della riconciliazione e anche del sacrificio. I fallimenti danno, così, origine a nuove relazioni, nuove coppie, nuove unioni e nuovi matrimoni, creando situazioni famigliari complesse e e problematiche per la scelta cristiana".

Parlando delle sfide che si trovano ad affrontare le famiglie i padri sinodali citano "anche la fatica della stessa esistenza. Pensiamo alla sofferenza che può apparire in un figlio diversamente abile, in una malattia grave, nel degrado neurologico della vecchiaia, nella morte di una persona cara. E' ammirevole la fedeltà generosa di molte famiglie che vivono queste prove con coraggio, fede e amore, considerandole non come qualcosa che viene strappato o inflitto, ma come qualcosa che è a loro donato e che esse donano, vedendo Cristo sofferente in quelle carni malate".

"Pensiamo alle difficoltà economiche causate da sistemi perversi", si legge ancora nel messaggio approvato, "che umilia la dignità delle persone. Pensiamo al padre o alla madre disoccupati, impotenti di fronte alle necessità anche primarie della loro famiglia, e ai giovani che si trovano davanti a giornate vuote e senza attesa, e che possono diventare preda delle deviazioni nella droga o nella criminalità".

"Pensiamo, pure - continuano i padri sondali - alla folla delle famiglie povere, a quelle che s'aggrappano a una barca per raggiungere una meta di sopravvivenza, alle famiglie profughe che senza speranza migrano nei deserti, a quelle perseguitate semplicemente per la loro fede e per i loro valori spirituali e umani, a quelle colpite dalla brutalità delle guerre e delle oppressioni. Pensiamo anche alle donne che subiscono violenza e vengono sottoposte allo sfruttamento, alla tratta delle persone, ai bambini e ragazzi vittime di abusi persino da parte di coloro che dovevano custodirli e farli crescere nella fiducia e ai membri di tante famiglie umiliate e in difficoltà".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata