Sicilia, il neo deputato arrestato De Luca attacca: "Io perseguitato dai pm"
Si dice perseguitato dalla magistratura ed evoca persino la massoneria Cateno De Luca, il neo deputato della Regione Sicilia dell'UDC arrestato per evasione fiscale di un milione e 750mila euro. "Sapevo di scontrarmi con i poteri forti di Messina, massoneria e vari ambienti che non vogliono che io faccia il sindaco di Messina", si difende De Luca, eletto nello schieramento di Centrodestra con il governatore Nello Musumeci. "Pervicacia criminale e spregiudicatezza" scrive invece il gip che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare.