Sicilia, corruzione e truffa Ue: 24 misure, arrestati funzionari Regione

Milano, 4 mar. (LaPresse) - I finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, nell'ambito di indagini coordinate dalla procura del capoluogo, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal gip di Palermo nei confronti di 24 persone, di cui 4 sottoposte a custodia cautelare in carcere, 12 ristrette agli arresti domiciliari, 8 sottoposti all'obbligo di dimora nel comune di residenza con contestuale obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Con il medesimo provvedimento il gip ha disposto il sequestro preventivo di 14 imprese, 3 delle quali con sede all'estero (Ungheria, Austria e Romania), per un valore di circa 24 milioni di euro, nonché il sequestro, anche per equivalente, di disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili per oltre 12,5 milioni di euro, pari all'ammontare dei contributi pubblici indebitamente percepiti. Bloccata, inoltre, l'erogazione di contributi indebiti per ulteriori 3,5 milioni di euro.

I reati contestati ai predetti indagati sono, a vario titolo, associazione per delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio, falsità materiale e ideologica in atto pubblico, rivelazione di segreto d'ufficio, soppressione e occultamento di atti pubblici.

Le indagini dei finanzieri del gruppo Tutela spesa pubblica del Nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo si sono concentrate sull'iter di concessione di finanziamenti pubblici in agricoltura nell'ambito dei Psr (Programma di sviluppo rurale) Sicilia 2007/2013 e 2014/2020 che ruotano intorno all'Ipa (Ispettorato provinciale dell'agricoltura) della Regione Sicilia, ente deputato alla valutazione sull'ammissibilità delle istanze volte ad ottenere le pubbliche provvidenze, di origine europea e nazionale.

Dalle attività svolte, sono nati due filoni di indagine: il primo relativo alla percezione indebita di rilevanti finanziamenti pubblici, il secondo, invece, incentrato sull'operato dei funzionari pubblici deputati al controllo dei requisiti e all'attribuzione dei punteggi per l'ammissione al contributo delle domande di finanziamento.

(Segue).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata