Migranti, sindaco ordina lo sgombero della tendopoli San Ferdinando

La decisione in seguito ai gravi incendi che si sono ripetuti negli ultimi 14 mesi

Il sindaco di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, Andrea Tripodi, ha ordinato "l'immediato sgombero di persone e cose dall'area adibita a vecchia tendopoli per immigrati extracomunitari di proprietà Corap ex AsirReg nel Comune di San Ferdinando" per "la bonifica e la demolizione di quanto intorno alla stessa abusivamente realizzato".

"Negli ultimi 14 mesi - precisa un'ordinanza pubblicata sul sito del Comune - si sono ripetuti gravi incendi, di natura dolosa o più probabilmente causati da stufe e accessori di fortuna utilizzati per riscaldarsi, che hanno causato la morte di tre ospiti e aggravato le condizioni di insalubrità dell'intera area, contribuendo a esasperare gli animi degli immigrati che gravitano".

"Al fine di scongiurare gravi danni alla salute e all'incolumità pubblica - si legge ancora - è necessario e urgente rendere l'area libera da persone e cose per poter consentire l'immediata rimozione dei rifiuti presenti, l'abbattimento delle vecchie tende e baracche e la successiva bonifica e sanificazione dell'area".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata