Servizio Pubblico trasmette video esclusivo boss Provenzano in carcere

Roma, 20 mag. (LaPresse) - Il programma di Michele Santoro 'Servizio Pubblico', in onda su La7, è venuto in possesso delle immagini esclusive del super boss Bernardo Provenzano registrate dalle telecamere di sorveglianza del carcere di Parma, dove è detenuto in regime di 41 bis. Il video si può vedere in anteprima sul sito del programma. E' la prima volta che vengono divulgate immagini di Provenzano dal giorno della sua cattura, nell'aprile del 2006. Il video risale allo scorso dicembre, sette mesi dopo il tentato suicidio del boss. Nel video si vede Provenzano a colloquio con la moglie e con il figlio minore Francesco Paolo. Il boss è evidentemente confuso, porta un berretto in testa e quando se lo leva è ben visibile un grosso ematoma sulla fronte. Al figlio che gli chiede se ha preso "legnate", risponde: "Sì, dietro i reni". Ma poi afferma di essere caduto da solo. "Bernardo Provenzano - si chiede Servizio Pubblico - ha davvero tentato il suicidio nel maggio 2012? Davvero, come riferiscono più fonti, il boss sarebbe stato prossimo a un'eventuale collaborazione? E, infine, qual è la dinamica delle numerose cadute registrate in cella nel corso dell'ultimo anno, in particolare l'ultima che l'ha ridotto in coma?". Le scorse settimane il legale della famiglia, l'avvocato Rosalba Di Gregorio, aveva chiesto la revoca del carcere duro, la sospensione dell'esecuzione della pena per motivi di salute, ma l'istanza è stata respinta. Il 27 maggio inizia il processo sulla trattativa Stato-mafia: degli 11 imputati rinviati a giudizio ne resteranno solo 10. L'undicesimo è proprio il boss Bernando Provenzano, secondo l'accusa il principale protagonista della trattativa, la cui posizione è stata stralciata in quanto ritenuto dal gup Piergiorgio Morosini incapace di intendere e di volere.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata