Sequestrati beni per 1,5 milioni ai Riina. Colpo al clan Brancaccio
Due maxi operazioni nel giorno dell'anniversario della morte di Borsellino. Coinvolto anche il fratello del cooperante Lo Porto

Duro colpo al clan palermitano di Brancaccio. Sono 34 le misure cautelari personali eseguite nei confronti di 17 esponenti del clan e di altrettanti loro complici. L'operazione di guardia di finanza e polizia ha anche condotto al sequestro di 42 aziende, per un valore complessivo di circa 60 milioni di euro.

E le operazioni antimafia, nel giorno dell'anniversario della morte di Paolo Borsellino, non si fermano qui. I carabinieri del R.O.S., in collaborazione con quelli del comando provinciale di Palermo e Trapani, stanno dando esecuzione ad un decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Palermo (sezione misure di prevenzione) su proposta della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti del capo di Cosa nostra, Salvatore Riina, e del suo nucleo familiare per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata