Sequestrati a Malpensa oltre 130 chili di sigarette di contrabbando

Varese, 24 ago. (LaPresse) - Volevano confondersi tra le diverse centinaia di passeggeri in arrivo all'aeroporto intercontinentale di Malpensa ma non avevano previsto l'incremento dei controlli della guardia di finanza in occasione delle vacanze estive. Cinque passeggeri sono stati denunciati con l'accusa di contrabbando di tabacchi lavorati esteri per aver introdotto nel territorio dello stato oltre 130 chili di sigarette. Giunti presso lo scalo varesino, in giorni diversi, in arrivo dal nord Africa, hanno dichiarato di esser venuti in Italia per un breve periodo di vacanza, in visita ad alcuni conoscenti. Ma i finanzieri avevano già monitorato, attraverso la continua attività d'intelligence operata sull'intero traffico in transito presso l'aeroporto di Malpensa, i voli su cui erano imbarcati i cinque responsabili. Tra loro, una donna egiziana, di mezza età, in possesso di 4 valige piene di tabacchi lavorati esteri per un totale di 80 chilogrammi. I finanzieri hanno immediatamente potuto constatare la recidività della donna: in meno di un anno ha tentato di introdurre nel territorio dello stato quasi 300 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri. Si è proceduto quindi al sequestro di quanto rinvenuto ed alla segnalazione all'autorità giudiziaria di Busto Arsizio dei cinque responsabili.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata