Scontro fra treni: almeno 27 vittime. Le ricerche proseguiranno per tutta la notte
Più di 50 i feriti, fra i quali molti gravi. Renzi sul luogo dello schianto: Non lasceremo soli la Puglia e i pugliesi.

Due treni accartocciati uno contro l'altro in uno scontro nella campagne pugliesi fra Andria e Corato. Il bilancio è quello di una tragedia: 27 vittime accertate nello scontro avvenuto, questa mattina alle 11,30.  A riferirlo fonti sanitarie che stanno operando sul luogo. Non c'è ancora la lista delle vittime dell'incidente. I feriti sarebbero almeno una cinquantina. Il bilancio è ancora provvisorio e i soccorritori sono al lavoro sul luogo della tragedia. Le ricerche proseguiranno per tutta la notte. Intanto in serata è stata ritrovata la scatola nera di uno dei due convogli, fondamentale per stabilire la dinam,ica dell'incidente. "23 persone sono state trasportate all'ospedale di Andria, 8 a Bisceglie e gli altri a Barletta", ha spiegato il sindaco di Andria, Nicola Giorgino, raggiunto telefonicamente da LaPresseRiccardo Zingaro comandante dei vigili urbani di Andria, accorso subito sul posto, ha sottolineato ai microfoni di Sky: "E' una tragedia immane. Abbiamo bisogno ancora di lavorare per fare un bilancio delle vittime". Un macchinista è morto, l'altro invece è sopravvissuto ma è in gravi condizioni.

IL TRENO DEI PENDOLARI. Il violento scontro fra due treni si è verificato in aperta campagna tra Andria Corato. Sul posto è intervenuta la polizia ferroviaria di Bari, i vigili del fuoco e le ambulanze del 118. Sono in corso operazioni di soccorso, il traffico è rimasto paralizzato. L'incidente è avvenuto tra due treni della società privata 'Ferrotramviaria', le ferrovie del Nord barese.  I treni erano molto affollati di pendolari. La linea è interrotta e al momento i vigili del fuoco spiegano che stanno lavorando per recuperare le persone rimaste incastrate tra i convogli coinvolti nello scontro. 

RENZI SUL LUOGO DELLO SCONTRO: NON LASCEREMO SOLI PUGLIA E PUGLIESI. Il premier, Matteo Renzi, è arrivato sul punto dell'incidente ferroviario e ha svolto un sopralluogo sul sito della tragedia, andando a ringraziare i soccorritori. Poi in prefettura a Bari, dove ha presieduto una riunione del centro di coordinamento soccorsi, ha tenuto un breve punto stampa durante il quale ha detto: "Siamo qui per dare un abbraccio al popolo della Puglia, al governo della Regione e ai sindaci. Non lasceremo la Puglia e i pugliesi da soli. Stiamo al loro fianco dopo questo momento di dolore e di disperazione".

MATTARELLA: TRAGEDIA INAMMISSIBILE.  "Profondo dolore" è stato espresso dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella riguardo al gravissimo incidente. "Il mio primo pensiero - ha detto Mattarella in una nota del Quirinale - va alle tante vittime e ai loro familiari, ai quali desidero far pervenire  vicinanza e solidarietà. Ai feriti rivolgo gli auguri di pronta guarigione". Il presidente della Repubblica ha aggiunto: "Bisogna fare piena luce su questa inammissibile tragedia: occorre accertare subito e con precisione responsabilità ed eventuali carenze".

 

LEGGI ANCHE La maledizione del binario unico: in Puglia corre per 500 km

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata