Scontro fra Tornado ad Ascoli. Ritrovati corpi di 2 membri dell'equipaggio, 2 dispersi

Roma, 20 ago. (LaPresse) - Sono due i corpi ritrovati dell'equipaggio dei 2 tornado scontratisi nell'incidente aereo avvenuto ieri pomeriggio nei pressi di Ascoli Piceno. Lo ha reso noto la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, nel corso della sua audizione davanti alle commissioni riunite Affari esteri e Difesa di Camera e Senato, nel corso delle le comunicazioni del Governo sui recenti sviluppi della situazione in Iraq, parlando dello scontro tra Tornado di ieri.

"Oggi parlo con stato d'animo turbato per il grave incidente che nella giornata di ieri ha visto coinvolti due velivoli Tornado dell'Aeronautica militare e i loro equipaggi formati da quattro giovani Ufficiali, tra i quali una donna". Lo afferma la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, nel corso della sua audizione davanti alle commissioni riunite Affari esteri e Difesa di Camera e Senato, sui recenti sviluppi della situazione in Iraq anche con riferimento agli esiti del Consiglio straordinario dei ministri degli esteri dell'Unione europea del 15 agosto. "Purtroppo - aggiunge -, in mattinata, sono stati ritrovati i corpi esanimi di due membri degli equipaggi, mentre stiamo attivamente cercando i due che risultano ancora dispersi".

"Le ricerche - prosegue - che erano iniziate subito dopo l'incidente sono, come detto, tuttora in corso da parte di elicotteri del soccorso aereo, da un velivolo a pilotaggio remoto e dal personale sul terreno coordinato dalla locale Prefettura, per individuare i piloti e i navigatori, tutti di provata esperienza in campo nazionale e internazionale con all'attivo numerose ore di volo sul velivolo Tornado. "Purtroppo - conclude - il tempo in questi casi non gioca a favore ma si continuerà ininterrottamente a perlustrare il terreno, particolarmente impervio e reso ancora più difficile a causa dei focolai di incendio che si sono sviluppati, per trovarli".

MINISTERO DIFESA: RISPETTATI STANDARD SICUREZZA. "L'incidente, sulle cui modalità è stata avviata dalla Difesa un'apposita inchiesta tecnica aeronautica che si affianca a quella svolta dalla magistratura, è avvenuto mentre gli equipaggi, nel pieno rispetto dei previsti standard di sicurezza, erano impegnati in due missioni addestrative congiunte", ha spiegato la ministra Le missioni, ha aggiunto, erano "regolarmente pianificate e autorizzate in accordo alle norme e alle regole del volo in vigore, finalizzate a raggiungere quei livelli di addestramento che sono essenziali per poter poi operare con efficacia e in sicurezza nelle molteplici attività cui la nostra Aeronautica è chiamata per garantire la sicurezza e la difesa del nostro Paese".

PINOTTI: MIO ANIMO E' TURBATO, STIAMO CERCANDO I DUE ANCORA DISPERSI. "Oggi parlo con stato d'animo turbato per il grave incidente che nella giornata di ieri ha visto coinvolti due velivoli Tornado dell'Aeronautica militare e i loro equipaggi formati da quattro giovani Ufficiali, tra i quali una donna", afferma la ministra Pinotti, nel corso della sua audizione, sui recenti sviluppi della situazione in Iraq anche con riferimento agli esiti del Consiglio straordinario dei ministri degli esteri dell'Unione europea del 15 agosto. "Purtroppo - aggiunge -, in mattinata, sono stati ritrovati i corpi esanimi di due membri degli equipaggi, mentre stiamo attivamente cercando i due che risultano ancora dispersi".

MINISTRA DIFESA PINOTTI: SONO VICINA AI FAMILIARI DEI MILITARI. "Esprimo la mia vicinanza ai famigliari dei membri dell'equipaggio dei due Tornado", ha detto Pinotti, alla Camera. "E all'Aeronautica - ha aggiunto -, che vive questo tristissimo momento di lutto condiviso da tutte le forze armate, proprio in un momento in cui essa ha svolto e svolge un ruolo fondamentale nelle missioni internazionali dell'Italia e, in particolare, in quella che è attualmente in corso in Iraq in un ambiente operativo caratterizzato da una situazione di rischio comunque non trascurabile".


SOCCORSO ALPINO DELLA FORESTALE RICERCA DISPERSI. Una squadra del soccorso alpino del corpo forestale (Saf) è stata elitrasportata dall'Aquila sul luogo della collisione dei Tornado. Il personale della Forestale sarà impiegato nelle ricerche dei piloti ancora dispersi nelle zone montane più impervie. A terra, continuano le operazioni di spegnimento degli ultimi focolai, che a causa del vento hanno ripreso a divampare. Sul posto anche un elicottero AB 412 della Forestale e un canadair per l'attività di spegnimento dei roghi. Al momento risultano andati in fumo circa 40 ettari di bosco ceduo e latifoglie, mentre i focolai già bonificati hanno permesso di accelerare le ricerche dei dispersi. Un'unità militare di pronto intervento della Forestale è comunque impegnata da questa mattina nelle ricerche dei piloti, in particolare nella perlustrazione delle zone meno accessibili, mettendo a disposizione la capillare conoscenza del territorio montano.

LE RICERCHE DEI DISPERSI CON GLI ELICOTTERI DELL'AERONAUTICA. Sono proseguite tutta la notte e sono tuttora in corso le ricerche da parte degli elicotteri del soccorso aereo dell'Aeronautica militare dei quattro membri di equipaggio dei due Tornado precipitati ieri pomeriggio vicino ad Ascoli Piceno dopo essersi scontrati in volo. Dalle prime ore dell'alba si è aggiunto nelle ricerche anche un velivolo a pilotaggio remoto Predator decollato dalla base aerea di Amendola (Foggia), che sorvola l'area dell'incidente per supportare l'attività di ricognizione dall'alto.

Anche ricerche sul terreno sotto il coordinamento della Prefettura e della protezione civile locale, attività che, informa una nota dell'Aeronautica, dovrebbe partire a breve, non appena ultimato lo spegnimento degli ultimi focolai di incendio da parte dei vigili del fuoco nella zona boschiva dove è avvenuto l'impatto.

IN AZIONE UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA. DELLE FORZE ARMATE. Prosegue nel frattempo l'azione della commissione d'inchiesta nominata dalla forza armata per fare luce sull'accaduto. Già nel pomeriggio di ieri un team di esperti della Sicurezza del volo aveva raggiunto il luogo dell'incidente per i primi rilievi e i coordinamenti con le forze di intervento coinvolte.

E' atteso nelle prossime ore sul posto il Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica militare, generale di squadra aerea Pasquale Preziosa. I due Tornado erano decollati ieri dalla base stanziale del Sesto Stormo di Ghedi, in provincia di Brescia, per una missione addestrativa pianificata e approvata secondo le regole del volo, propedeutica a un'esercitazione Nato in programma nel prossimo autunno.

LO SCHIANTO IERI DOPO LE 16, LE TESTIMONIANZE SU TWITTER. Lo schianto è avvenuto ieri poco dopo le 16: su Twitter diversi testimoni hanno scritto che poco prima dell'incidente i due Tornado volavano sulla costa adriatica. Il boato è stato sentito a grandi distanze. In molti hanno anche pubblicato su Youtube immagini come queste (queste sono state diffuse dagli utenti LordMax967 e middius), che ritraggono la colonna di fumo alzarsi dalla collina.


NESSUN CIVILE CONVOLTO NELL'INCIDENTE. Nessun civile è rimasto coinvolto nell'incidente, ma i frammenti dei velivoli sono precipitati a grandi distanze, causando cinque focolai di incendi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata