Sbarchi, Papa: Istituzioni europee siano più coraggiose e generose

Città del Vaticano, 5 lug. (LaPresse) - "Incoraggio le comunità cristiane e ogni persona di buona volontà a continuare a chinarsi su chi ha bisogno per tendergli la mano, senza calcoli, senza timore, con tenerezza e comprensione. Al tempo stesso, auspico che le Istituzioni competenti, specialmente a livello Europeo, siano più coraggiose e generose nel soccorso ai profughi". Lo scrive Papa Francesco in una lettera inviata all'arcivescovo di Agrigento, monsignor Francesco Montenegro, ad un anno dalla sua visita a Lampedusa.

Il pontefice aggiunge che "a distanza di un anno il problema dell'immigrazione si sta aggravando e altre tragedie si sono purtroppo susseguite ad un ritmo incalzante. Il nostro cuore fa fatica ad accettare la morte di questi nostri fratelli e sorelle, che affrontano viaggi estenuanti per fuggire da drammi, povertà, guerre, conflitti, spesso legati a politiche internazionali".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata