Saviano indagato per diffamazione dopo la querela di Salvini
Lo scrittore lo aveva definito il "ministro della malavita". La procura: "È un atto dovuto"

Roberto Saviano è indagato per diffamazione dalla procura di Roma a seguito della denuncia presentata contro di lui dal vicepremier Matteo Salvini.

L'iscrizione secondo quanto si apprende è un 'atto dovuto': nella denuncia, il ministro dell'Interno fa riferimento a dichiarazioni fatte dallo scrittore che sarebbero "lesive della sua reputazione e del ministero dell'Interno stesso". Saviano aveva definito Salvini il "ministro della malavita".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata