Sara bruciata viva dall'ex. Lo zio: Era un angelo
Il racconto dei familiari della ragazza ai microfoni di Pomeriggio 5

"Un angelo, quello che posso dire è quello che già sapete, una notizia drammatica. La mamma ovviamente non sta bene per niente. Non posso parlare, dobbiamo attendere". A Pomeriggio 5 parla lo zio di Sara Di Pietrantonio, la donna bruciata viva dall'ex fidanzato Vincenzo Paduano, fermato oggi a Roma e reo confesso del delitto. Durante il programma condotto da Barbara d'Urso si sono sentite anche le parole dell'uomo che ha consegnato il video che ha fatto luce sull'omicidio di Sara: "Si vedono le macchine che arrivano, lui l'ha stretta, poi si vede che parlavano, uscivano, entravano" racconta l'uomo.

"Si vede il fuoco, lui  ha parcheggiato dentro poi ha preso qualcosa in macchina, lei è scappata quando ha dato fuoco. Iniziato tutto alle 4.06, fino alle 4.20 - racconta l'uomo - poi si vede lui che viene a prendere la macchina e va via".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata