Sanità, in Lazio strutture San Raffaele a rischio chiusura entro 30/12

Roma, 13 dic. (LaPresse) - Rischiano di chiudere il 30 dicembre le attività di tutte le strutture del San Raffaele nel Lazio. Si tratta degli Irccs (Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico) San Raffaele Pisana, San Raffaele Portuense, San Raffaele Flaminia, San Raffaele Trevignano, San Raffaele Sabaudia, San Raffaele Termini, Metamedica, Mr3000, San Raffaele Tuscolana. Ad annunciarlo è stato il presidente del gruppo, Carlo Tivelli, che oggi ha incontrato due volte in prefettura a Roma il commissario Bondi e i prefetti di Viterbo e Frosinone.

Al termine del primo incontro aveva parlato di "esito negativo". "Il commissario infatti - ha scritto in una nota - è apparso poco e mal informato rispetto a tutte le questioni sulle quali, nell'incontro di due settimane fa aveva garantito che avrebbe assunto tutte le necessarie informazioni al fine di risolvere la gravissima situazione finanziaria che ha costretto il Gruppo a decidere la chiusura già delle strutture di Cassino, Viterbo, Montecompatri e Rocca di Papa, nonché della sede amministrativa. Tutto ciò non è avvenuto e dall'incontro di oggi è arrivata solo l'assurda richiesta di procrastinare, a data indefinita, ogni decisione. Ma la società non ha, come già più volte detto, risorse sufficienti a garantire l'assistenza". Dopo il fallimento dell'incontro i vertici del San Raffaele sono stati riconvocati in prefettura. Al termine della nuova riunione Trivelli ha concesso "qualche giorno, al massimo una settimana", per una decisione definitiva.

"Solidarietà ai duemila lavoratori del San Raffaele che rischiano di cessare l'attività con la fine dell'anno", ha espresso il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. "Sulla base di quanto dichiarato dal dottor Angelucci, proprietario del gruppo - aggiunge - auspico che il prossimo incontro con il commissario Bondi, che deve avvenire entro la prossima settimana, sia utile ad individuare, come per i dipendenti del gruppo Idi-S.Carlo, la soluzione necessaria a risolvere la questione che li tiene senza stipendio da oltre tre mesi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata