Salute, Papa: Economia non entri prepotentemente nel mondo sanità

Città del Vaticano, 11 set. (LaPresse) - "Non bisogna permettere che l'economia entri così prepotentemente nel mondo della sanità al punto da penalizzare aspetti essenziali come la relazione con i malati". Lo ha detto Papa Francesco, oggi in aula Paolo VI, durante l'udienza con i partecipanti al Congresso mondiale di Ginecologia Oncologica. "In questo senso, lodevoli sono le diverse associazioni senza fini di lucro che pongono al centro le pazienti, sostenendo le loro esigenze e legittime domande e dando voce anche a chi, per la fragilità della sua condizione personale, economica e sociale, non è in grado di farsi sentire - ha proseguito -. Certo, la ricerca richiede un forte impegno economico, questo è vero. Credo tuttavia che si possa trovare un equilibrio tra i diversi fattori. Il primo posto va comunque riconosciuto alle persone, in questo caso le donne ammalate, ma anche – non dimentichiamo – il personale che opera quotidianamente a stretto contatto con loro, perché possa lavorare in condizioni adeguate, e anche che possa avere il tempo di riposo per riprendere le forze per potere andare avanti. Vi incoraggio a diffondere nel mondo i preziosi risultati dei vostri studi e delle vostre ricerche, in favore delle donne di cui vi prendete cura. Esse, malgrado le loro difficoltà, tuttavia ci ricordano aspetti della vita che talvolta dimentichiamo, quali la precarietà della nostra esistenza, il bisogno l'uno dell'altro, l'insensatezza del vivere concentrati solo su di sé, la realtà della morte come parte della vita stessa", ha concluso il Santo Padre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata