Salute, 'Estate tranquilla': 6.230 tonnellate di alimenti sequestrati

Roma, 15 set. (LaPresse) - Si è conclusa agli inizi di settembre l'operazione 'Estate tranquilla 2015' che ha permesso di sottrarre al mercato 6.230 tonnellate di alimenti irregolari e potenzialmente nocivi. I carabinieri dei Nas, con il ministero della Salute, da giugno a settembre hanno effettuato controlli alla filiera alimentare presso esercizi commerciali operanti in aree urbane e rurali, soprattutto nelle località turistiche litoranee e montane.

I carabinieri hanno controllato 848 strutture balneari accertando 281 violazioni alle normative nazionali e comunitarie, prevalentemente riguardanti la conservazione degli alimenti. 184 titolari e responsabili di strutture sono stati segnalati e sono state contestate sanzioni per 432.000 euro. E' stata anche proposta la chiusura di 28 strutture, depositi alimentari e cucine, per un valore complessivo di 4 milioni e mezzo di euro. Altre 646 ispezioni hanno riguardato centri di raccolta, produzione e trasformazione di latte e derivati nei quali i Nas hanno accertato 132 violazioni e segnalato 101 persone alle autorità competenti. A seguito dei controlli sono state sequestrate 5,5 tonnellate di prodotti caseari e chiuse 7 strutture tra caseifici e depositi.

I controlli ad agriturismi, villaggi turistici e campeggi hanno riguardato 677 strutture ricettive con 294 violazioni (alimenti in cattivo stato di conservazione, privi della tracciabilità e delle indicazioni di origine, laboratori e cucine abusive, depositi privi dei requisiti strutturali ed autorizzativi, destinazione di locali e spazi, come bungalow e piscine, per un numero superiore a quello autorizzato). Pertanto sono state segnalate alle autorità giudiziarie 201 persone e contestate sanzioni per 210.000 euro. Sono state chiuse 23 strutture(villaggi turistici, depositi, bar e locali-cucine per un valore di 15 milioni di euro) per varie inosservanze alle norme speciali di settore, tra cui la mancanza di autorizzazione e dei requisiti igienico-strutturali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata