Sala: Sospensione fino a chiarimento quadro accusatorio
Il sindaco è indagato per falso nell'inchiesta sulla 'Piastra Expo'

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala si è autosospeso dal suo incarico di primo cittadino con una lettera inviata al vicesindaco della città metropolita Arianna Censi e a Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano. "La mia assenza - scrive Sala - è motivata dalla personale necessità di conoscere, innanzitutto, le vicende e i fatti contestati; pertanto fino al momento in cui mi sarà chiarito il quadro accusatorio, ritengo di non poter esercitare i miei compiti istituzionali".

"Ho appreso da fonti giornalistiche di essere iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla 'Piastra Expo' - si legge nella missiva - Non ho al momento ricevuto alcuna comunicazione ufficiale; ritengo che l'attuale situazione determini per me un ostacolo temporaneo a svolgere le funzioni e pertanto, ai sensi dell'articolo 53, comma 2, del Dlgs 267/2000 e dell'articolo 42 dello Statuto del Comune di Milano e dell'articolo 21 dello Statuto della Città Metropolitana, sarò sostituito nell'esercizio di dette funzioni rispettivamente dalle vice sindaco Anna Scavuzzo e  Arianna Censi". Il sindaco ha annunciato anche che "la prossima settimana mi presenterò al Consiglio Comunale di Milano e della Città Metropolitana per riferire in merito".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata