Ruby ter,difesa Berlusconi: Giudice incompatibile,invio atti a Consulta

Milano, 17 set. (LaPresse) - Il difensore di Silvio Berlusconi, l'avvocato Federico Cecconi, questa mattina nel corso dell'udienza davanti al gip di Milano Stefania Donadeo sull'utilizzo di alcune intercettazioni nell'ambito dell'inchiesta Ruby ter, ha chiesto che gli atti vengano inviati alla Consulta sollevando una questione di legittimità.

L'udienza era stata fissata proprio per decidere se inviare o meno al Parlamento la richiesta di autorizzazione all'utilizzo di 11 telefonate intercettate tra Berlusconi e due delle Olgettine finite al centro del processo. Per la difesa Berlusconi, tuttavia, il gip Donadeo deve dichiararsi "incompatibile" dato che è stata proprio lei ad autorizzare quelle intercettazioni, effettuate nel 2012-2013. Il gip ha quindi fissato una nuova udienza per il 24 settembre, nella quale la Procura dovrebbe replicare all'istanza sollevata dall'avvocato Cecconi, poi il giudice stabilirà se mandare gli atti alla Corte Costituzionale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata