Ruby ter, Berlusconi ricoverato a New York: posizione stralciata
Sì al legittimo impedimento per "motivi di salute"

Il gup di Milano Laura Marchiondelli ha stralciato la posizione di Silvio Berlusconi, dividendola rispetto a quella degli altri 23 imputati nel caso Ruby ter. L'udienza preliminare per l'ex Cavaliere proseguirà infatti il 15 dicembre. Il giudice ha accolto la richiesta presentata nei giorni scorsi dai difensori dell'ex premier insieme a quella di rinvio del procedimento per "legittimo impedimento". Berlusconi, hanno scritto gli avvocati Federico Cecconi e Franco Coppi nell'istanza presentata la scorsa settimana, in questi giorni si trova negli Stati Uniti anche per sottoporsi ad alcuni accertamenti medici dopo l'intervento a cuore aperto del luglio scorso. Sono i "motivi di salute" che gli impediscono di partecipare al procedimento che lo vede imputato per corruzione in atti giudiziaria.

Berlusconi, infatti, è ricoverato da venerdì scorso al Columbia Presbyterian Medical Center di New York. Da quanto si è appreso, Berlusconi soffrirebbe di scompensi pressori e flogosi, cioè uno stato di infiammazione insorto dopo la sostituzione della valvola aortica avvenuto a luglio all'ospedale San Raffaele a Milano. 

Per le altre 23 persone che fino ad oggi erano imputate insieme a lui prosegue invece il procedimento davanti al gup Marchiondelli.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata