Roma, terminati i trasferimenti dei rom da Torre Maura. Raggi: "No al razzismo"

La prima cittadina: "CasaPound e Forza Nuova hanno tentato di mettere a ferro e fuoco la zona. Abbiamo evitato che la situazione degenerasse"

Terminati i trasferimenti dei rom da Torre Maura. Lo annuncia su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi. "Abbiamo completato il trasferimento delle persone presenti nella struttura di via dei Codirossoni a Torre Maura. Le operazioni sono state realizzate grazie al lavoro dei nostri operatori sociali. Abbiamo garantito l'incolumità dei 33 bambini che erano stati inizialmente accolti", scrive la prima cittadina.

"In questi giorni CasaPound e Forza Nuova hanno tentato di mettere a ferro e fuoco Torre Maura, con slogan e atteggiamenti fascisti e razzisti - prosegue -. Atteggiamenti che nulla hanno a che fare con i cittadini del posto che invece non si riconoscono in CasaPound. Abbiamo evitato che la situazione degenerasse, determinando un contesto invivibile per i cittadini veri, che ogni giorno vivono onestamente. Allo stesso tempo sono stati preservati i bambini, assediati nella struttura dai militanti di estrema destra che sono arrivati addirittura a distruggere una vettura dei nostri assistenti sociali".

"Il nostro intervento è stato mirato a stroncare sul nascere ogni possibile escalation di violenza - conclude -. Roma è una città antifascista. Questa è la nostra risposta a chi ha tentato maldestramente di riportare indietro le lancette della storia".

A presidiare la zona, anche nel giorno dei trasferimenti, c'è Forza Nuova. "Siamo di nuovo a Torre Maura, siamo stati al fianco dei cittadini per dire no all'arrivo dei rom nel quartiere", il grido che si leva dal sit-in. "Finalmente grazie al nostro intervento abbiamo vinto, ma siamo pronti ad andare in ogni quartiere", aggiunge la formazione politica di estrema destra.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata