Roma,teatro Valle esce da occupazione ma manifestanti chiedono risposte

Roma, 11 ago. (LaPresse) - Il teatro Valle di Roma, dopo tre anni, esce dallo stato di occupazione e i dimostranti hanno organizzato una conferenza per raccontare come proseguiranno i lavori della Fondazione Teatro Valle Bene Comune e per chiarire alcuni punti. "Era stato detto - ha riferito una degli occupanti - 'siamo disponibili a uscire dall'occupazione purché si apra un tavolo di trattativa'. Siamo ancora molto lontani da questo accordo ma abbiamo deciso di trasformare lo stato di occupazione in qualcos'altro perché si apra una nuova fase di dialogo, ma c'è bisogno a questo punto di risposte chiare".

Gli occupanti hanno poi mostrato alla stampa i lavori di restauro avviati. "Nel 1984 la buca dell'orchestra fu tappata - hanno raccontato -. Da quel momento il teatro Valle non è più stato un teatro per la lirica. Noi ci siamo presi la briga di ripristinare la buca dell'orchestra che ora è chiusa ma di nuovo utilizzabile".

"Ci teniamo che i lavori portati avanti in questo teatro rispettino la struttura di base del teatro stesso. Sappiamo che ci sono dei vincoli da parte della soprintendenza, noi vorremmo che questi vincoli vengano ribaditi", hanno concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata