Roma, smentellata rete di spaccio intorno alla capitale: 10 arresti

Roma, 16 lug. (LaPresse) - Dieci arresti, tre denunce e decine di perquisizioni sono stati eseguiti dai carabinieri che hanno smantellato un'organizzazione dedita allo spaccio di droga a Palestrina, zona a sud est della capitale. Tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal tribunale di Tivoli, sono state eseguite questa mattina dai carabinieri di Palestrina a carico di tre italiani, originari di Cave, facenti parte dell'organizzazione. I provvedimenti cautelari scaturiscono dall'attività investigativa condotta dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Palestrina, avviata a luglio dello scorso anno, e che ha permesso di individuare un sodalizio dedito allo spaccio di droga nell'area Prenestina, in particolare nel Comune di Cave per poi svilupparsi verso Palestrina, Genazzano, Valmontone fino a Paliano.

Nel corso dell'operazione, denominata 'Dry Balls' e che ha visto l'impiego di oltre 80 carabinieri, un'unità cinofila ed il supporto di un elicottero del raggruppamento aeromobili carabinieri di Pratica di Mare, sono state eseguite contestualmente anche 26 perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Tivoli, nel corso delle quali i militari hanno rinvenuto complessivamente 33 piante di cannabis indica, coltivate in terreni adiacenti alle abitazioni, oltre a 5 grammi di marijuana ed altrettanti di cocaina, il tutto pronto per essere inserito nei canali di spaccio locali.

Nel corso delle perquisizioni delegate, infatti, sono state rinvenute dosi di stupefacenti, pronte per essere spacciate, a casa di sette persone che sono state arrestate. L'indagine aveva già permesso, nel corso dei quattro mesi di attività, di arrestare in flagranza di reato altre 8 persone, quasi tutte residenti a Cave e coinvolte nell'illecita attività in concorso con gli attuali indagati, e di sequestrare oltre 1.280 grammi circa di sostanza stupefacente di vario tipo (cocaina, hashish e marjuana), 500 grammi di sostanza da taglio, 5 bilancini, la somma contante 1.300 euro, oltre a materiale da confezionamento e documentale, risultato utile alle indagini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata