Roma, riciclò beni mafia: confische per 26 milioni a eredi

Roma, 12 dic. (LaPresse) - Beni mobili ed immobili per un valore complessivo di circa 26 milioni di euro sono stati confiscati dai finanzieri del comando provinciale di Roma agli eredi di un imprenditore romano, la cui ascesa economica è risultata indissolubilmente legata al suo ruolo di riciclatore per conto di noti gruppi criminali della capitale come la banda della Magliana e la banda della Marranella, ma anche di esponenti di spicco di Cosa nostra siciliana e della Nuova famiglia di matrice camorrista.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata