Roma, addio a Sandro Mayer: il giornalista è morto a 77 anni

Direttore per venti anni del settimanale 'Gente', dal 2004 dirigeva alcune testate di Cairo Editore, fra cui "Dipiù" e "Dipiù Tv". Nota la sua partecipazione a "Ballando con le stelle" nella veste di presidente di giuria

È morto nella notte, all'ospedale Fatebenefratelli di Roma, a 77 anni Sandro Mayer. Giornalista e scrittore, Mayer era nato a Piacenza nel 1940.

Direttore per venti anni del settimanale 'Gente', dal 2004 dirigeva alcune testate di Cairo Editore, fra cui "Dipiù" e "Dipiù Tv". Ha lavorato anche come autore e regista teatrale, firmando le commedie "Il silenzio dei sogni" e "Bivio d'amore", entrambe tratte da due suoi romanzi, oltre al musical "Il miracolo di Padre Pio".  

Una laurea in Scienze Politiche e la professione di traduttore prima di entrare nel mondo del giornalismo. Inviato speciale, a scritto due romanzi, è stato regista teatrale e direttore di riviste. Mayer è stato uno dei giornalisti italiani più popolari, grazie anche alla sua partecipazione a programmi come 'Domenica In', 'Buona Domenica' e 'Ballando con le stelle', accanto a Milly Carlucci e Ivan Zazzaroni che su Twitter ha scritto: "Addio, Sandro. Addio alla tua educazione, alla tua gentilezza, al tuo amore per il lavoro, a quel modo tutto Mayer di sottolineare i sentimenti, alla tua leggerezza, anche alle 'sorprese' per le quali ti prendevamo in giro. Mancherai a me e alla squadra".

"Buon viaggio a Sandro Mayer, giornalista e direttore di successo che si è sempre dimostrato corretto, preciso e rispettoso, in un mondo in cui queste doti sono ormai rare. Grazie di tutto amico mio", ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini

"Vivevo a Napoli e mi sono formato ascoltando la gente dei bassi, mescolati ai discordi dell'aristocrazia partenopea. Poi ci trasferimmo a Milano e vinsi un posto fisso in Fiat ma non ci andai mai e partii per Londra, dove ho fatto il cameriere per imparare l'inglese", questa una delle frasi che si ricordano del giornalista.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata