Roma, morte clochard. Confessa pirata: Non pensavo fosse persona

Roma, 16 gen. (LaPresse) - "Ho sentito un rumore mentre guidavo ma non pensavo fosse una persona". La confessione della donna fermata per aver investito e ucciso un clochard in Corso Italia, lo scorso 7 gennaio, è arrivata dopo un interrogatorio andato avanti per ore. Lei, 56 anni, è stata fermata mentre andava a lavoro e portata presso la sede del Gruppo Parioli della polizia locale di Roma Capitale che ha seguito il caso fin dall'inizio. Dapprima la donna ha negato qualunque responsabilità, solo nel pomeriggio ha ceduto e davanti al pm Giovanni Battista Bertolini ha confessato.

(Segue).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata